GIORNATA NAZIONALE PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI


Per informazioni: tel. 06 54196334 - fax 06 5402248 - ufficio.stampa@anmil.it

Alla V edizione della Giornata Nazionale per la sicurezza nei cantieri edili al centro del dibattito il malessere dei professionisti del settore

 

Giovedì 27 marzo si è svolta a Roma presso la Casa dell’Architettura (Piazza Manfredo Fanti, 47), la quinta edizione della Giornata Nazionale per la sicurezza nei cantieri edili, organizzata da Federarchitetti, il sindacato degli architetti e degli ingegneri, in collaborazione con ANMIL.

La giornata si è articolata in due diversi momenti: uno di formazione per i professionisti, a partire dalle ore 9, mentre dalle 15 si è svolto il confronto tra professionisti dell’edilizia, rappresentanti delle istituzioni e dei sindacati.

Al dibattito, presentato da Giancarlo Maussier, presidente di Federarchitetti Roma, e moderato dalla giornalista Simona D'Alessio, hanno preso parte, tra gli altri: Franco Bettoni, Presidente nazionale dell’ANMIL; Sebastiano Calleri, responsabile Salute e Sicurezza della Cgil; Gabriella Galli, responsabile Salute e Sicurezza della UIL; Paolo Varesi, Vicesegretario dell’Ugl; Calogero Lo Castro, Presidente di Confedertecnica; Antonio Napolitano, Direttore generale di INAIL Lazio; On. Serena Pellegrino, componente della Commissione Ambiente e Lavori Pubblici della Camera dei Deputati; Livio Sacchi, Presidente dell'Ordine degli Architetti di Roma; Alfredo Simonetti, Direttore Cefme-Ctp Lazio; Andrea Tomasi, Presidente della Fondazione Architetti Ingegneri Liberi Professionisti iscritti a Inarcassa e Armando Zambrano, Presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Ingegneri.

Un video, una pubblicazione ed un confronto pubblico per approfondire il ruolo delle diverse figure professionali impegnate a tutelare la salute dei lavoratori in edilizia. “CHIFACHECOSA” è infatti il titolo della V Giornata Nazionale della sicurezza nei cantieri edili, organizzata da Federarchitetti Roma.

In particolare, l'analisi dell'attuale scenario è stato focalizzato sul profondo disagio dei coordinatori della sicurezza, oberati da pesanti responsabilità, poco remunerati e valorizzati dalle istituzioni. Il malessere dei professionisti del settore è stato raccontato anche da un video realizzato da Federarchitetti, “Loredana se ne va”. L’iniziativa, che è stata replicata lo stesso giorno in altre undici città italiane, ha ottenuto l’adesione del Presidenza della Repubblica e il patrocinio del Presidente del Consiglio dei Ministri, del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori e Paesaggisti, della Camera dei Deputati, del Senato della Repubblica, di Inarcassa e dell'INAIL.

 

Per informazioni: Ufficio stampa Federarchitetti (Silvia Cerioli – cell. 338.7991367)