Eventi    
sabato 24 giugno 2017
ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA REGIONE E ANMIL

Siamo Lieti di Comunicare che è avvenuto l'accordo di collaborazione tra la Regione Toscana e Anmil Regionale avente ad oggetto la promozione di azioni per il supporto alla sorveglianza sanitaria degli ex esposti dall'amianto in Toscana

qui di seguito trovate il link per leggere il documento in pdf.

Accordo di collaborazione tra Regione Toscana e Anmil 

sabato 3 giugno 2017
SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

Per maggiori informazioni: Numero Verde 800.180.943 - serviziocivile@anmil.it

Sono attivi i bandi per la selezione di volontari da impiegare nei progetti di Servizio Civile Nazionale (SCN) in Italia e all'estero, presentati dagli enti iscritti all'albo nazionale e agli albi regionali.

Per poter partecipare alla selezione occorre innanzitutto individuare il progetto di SCN.

ANMIL Onlus e il Patronato ANMIL ne hanno attivati diversi: scegli quello che più soddisfa le tue aspettative!

link UTILI

SITO DEL PATRONATO ANMIL NAZIONALE

SITO ANMIL ONLUS NAZIONALE SEZIONE SERVIZIO CIVILE 

PROGETTO  "TUTELA DEI DIRITTI" PER LA REGIONE  TOSCANA

Progetto "TUTELA DEI DIRITTI " in pdf

DETTAGLIO PROGETTO

mercoledì 22 marzo 2017
SERVIZIO A DOMICILIO VERSO L'UTENZA DEBOLE

 

PROTOCOLLO D'INTESA  TRA ANMIL REGIONALE E ACI

In data 20 marzo 2017  è stato  sottoscritto il Protocollo d'Intesa tra Anmil Regionale  e ACI  Automobile Club Italia per tutto il territorio della Toscana avendo ad oggetto   “l’erogazione a domicilio dei Servizi inerenti  il PRA(Pubblico Registro Automobilistico) " all'interno della competenza regionale Toscana. 

Il servizio è rivolto agli utenti impediti, da talune comprovate circostanze, a recarsi presso tutte le Unità Territoriali della Toscana per svolgere le seguenti formalità:

-Trasferimento di proprietà;

-Perdita di possesso;

-Duplicato del certificato di proprietà;

-Radiazione per esportazione;

-Revoca del fermo amministrativo;

 

I soggetti Interessati sono:

- Disabili o persone affette da patologie che impediscono o rendono difficoltoso lo spostamento, l’impossibilità ad abbandonare il domicilio dovrà essere comprovata da idonea documentazione,certificato di riconoscimento dell’invalidità,documento attestante il riconoscimento dell’indennità di accompagnamento, certificato del medico curante attestante lo stato di Inabilità che impedisce l’allontanamento dal domicilio.

-Persone Ricoverate presso case di cura,ospedali o case di riposo. Non è necessario acquisire certificazione di inabilità, ma semplice autorizzazione all’accesso alla struttura da parte dell’autenticatore.  

-Detenuti presso istituti di pena, ospiti di comunità terapeutiche o di istituti di rabilitazione o soggetti sottoposti agli arresti domiciliari. autorizzazione all’accesso alla struttura viene rilasciata dal responsabile dell’istituto presso la quale l’interessato si trova ovvero dal magistrato competente nell’ipotesi di detenuti presso istituti di pena o posti agli arresti domiciliari.

 

Due  funzionari dell'Unità Territoriale ACI  di riferimento  si recheranno presso il domicilio indicato e, utilizzando il Kit tecnologico necessario all'espletamento dei servizi,eseguiranno le formalità richieste. il pagamento dovrà essere contestuale al servizio a domicilio; esso non includerà alcun compenso aggiuntivo rispetto a quello previsto allo sportello PRA.

Il servizio a domicilio potrà essere svolto dal Lunedi al Giovedì  dalle ore  8 alle 12,30 ; il Venerdì dalle ore 8,00 alle 12,00. 

 

Protocollo d'Intesa 

 

 

sabato 18 marzo 2017
5x1000 all’ANMIL

mercoledì 22 febbraio 2017
Accordo regionale tra Inail e Anmil della Toscana-Comunicato Stampa Congiunto

 

La presa in carico del lavoratore infortunato per garantire il recupero fisico e psicologico ed il pieno reintegro nella vita familiare, sociale e lavorativa: al centro dell’accordo regionale siglato da Inail e Anmil della Toscana.

 

Firenze, 22 febbraio 2017 – Con l’accordo siglato, si rafforza la collaborazione tra Inail e Anmil della Toscana tesa a porre in essere in modo sinergico e condiviso interventi volti a favorire:

 

  •  la sensibilizzazione del territorio toscano ai temi dell’integrazione e del reinserimento sociale delle persone con disabilità causate dal lavoro mediante iniziative comunicative ed informative come seminari, convegni, workshop etc.;

 

  • la promozione di specifici eventi a carattere sociale e sportivi, a livello amatoriale e/o agonistici nel territorio, in sinergia con il Comitato Italiano Paralimpico e con le Associazioni Sportive Dilettantistiche (ASD), nella consapevolezza che l’esercizio sportivo può essere di grande aiuto per il recupero e il reintegro delle capacità del lavoratore infortunato;

 

  • l’avvio di forme di collaborazione finalizzate al reinserimento lavorativo delle persone con disabilità da lavoro;

 

  • l’avvio di attività sinergiche finalizzate allo sviluppo della cultura della prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali, con iniziative congiunte di sensibilizzazione e di formazione verso il mondo del lavoro e della scuola.

 

Inail Toscana e Anmil Toscana hanno promosso questo accordo - afferma il direttore regionale Giovanni Asaro - nella convinzione che le sinergie continuative e strutturate con Istituzioni, Enti e Parti sociali, in una logica pianificatoria, rappresentino una corretta modalità per attuare iniziative territoriali a sostegno dei bisogni dei lavoratori. La rafforzata collaborazione con Anmil consentirà di focalizzare ancora di più l’attenzione alla piena inclusione della persona con disabilità, anche attraverso progetti personalizzati di reinserimento lavorativo, e alla promozione della cultura della sicurezza sul lavoro”.

 

“La condivisione di obiettivi e intenti confermata dall’accordo – afferma il Presidente regionale ANMIL Vincenzo Municchi – dimostra che, quando un ente pubblico come l’Inail ed una Onlus fortemente consolidata sul territorio come Anmil, cooperano in una logica virtuosa di partnership pubblico-privato, si possono realizzare concretamente e in tempi rapidi azioni efficaci in grado di restituire dignità e piena integrazione sociale alle vittime del lavoro”.

 

Le iniziative congiunte verranno programmate, con cadenza annuale, all’interno di un tavolo paritetico, composto da due componenti di Inail e due componenti di Anmil della Toscana.

L’accordo ha la durata di due anni a decorrere dalla data della stipula.

Protocollo d'Intesa 

mercoledì 21 settembre 2016
1 OTTOBRE 2016 PRESENTAZIONE DEL LIBRO "STORIA DELL'ASSOCIAZIONE NAZIONALE MUTILATI INVALIDI DEL LAVORO" (ANMIL) DI PIETRO SALVINI

 

mercoledì 7 settembre 2016
Siamo lieti di invitare la cittadinanza alla 66ª Giornata Nazionale per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro. Gli interessati a partecipare all'evento sono invitati a contattare le sedi provinciali a loro più gradite per avere informazioni.

mercoledì 21 ottobre 2015
COMPOSIZIONE CONSIGLIO ANMIL REGIONE TOSCANA

CONSIGLIO ANMIL REGIONE TOSCANA

Sede: Via Frati Bigi, 4, 50136, Firenze

Tel. 055 677912 

Fax 055 0944315

Presidente Regionale:

Vincenzo Municchi

Vicepresidente Regionale:   

Giorgio Malatesta

Consiglieri Regionali:

Luciano Pardo

Italo Bernardini

Paolo Bruschi

Stefano Di Bartolomeo

Umberto Finotti

Evaretto Niccolai

Omero Petrucci

Giuliano Mannucci

Pietro Salvini

Evaldo Vannucci


 

 

martedì 20 aprile 2010
"Vita indipendente": le persone disabili possono presentare il proprio progetto

Avrà inizio anche nell’area socio-sanitaria grossetana il progetto “Vita indipendente”, l’iniziativa promossa dalla Regione Toscana per garantire alle persone con disabilità permanente o grave limitazione dell’autonomia personale il diritto a una vita indipendente, favorendone anche l’integrazione e la partecipazione attiva nella società.

Leggi il Progetto ed i materiali informativi in rete

martedì 20 aprile 2010
PASSWORD, campo sul tema dell’Accessibilità

Una nuova iniziativa della Regione Toscana.

Per noi Accessibilità vuol dire prima di tutto cambiamento culturale, apertura verso l'altro, sguardo diverso col quale leggere i contesti. In questo senso il Campo – che segue quello sulla comunicazione concluso alcuni giorni fa e che anticipa altri campi d’impegno già in programma, come quello sul Riuso (28-29-30 maggio a Empoli) e quello sul Carcere in programma il settembre prossimo – dovrà essere un momento di riflessione sul senso comune di intendere gli spazi urbani e collettivi, cercando di porre l’attenzione su come sia possibile modificarli per renderli accessibili a tutti, migliorando la qualità dei servizi e incrementando il benessere di tutta la comunità.
Questa esperienza nasce da un bisogno di approfondimento raccolto sui territori che Filigrane raggiunge, grazie ai progetti che sostiene e ai giovani che incontra. Come tutti i Campi Filigrane, anche questo vuole dare una chiave di lettura ulteriore per leggere le complessità che quotidianamente ognuno di noi vive, cercando insieme possibili soluzioni e rendendo i giovani i diretti promotori del cambiamento, attraverso l'acquisizione di competenze, il consolidamento di esperienze già esistenti e, soprattutto, attraverso la costruzione di una comunità capace di farsi carico dei bisogni che il contesto esprime.
Sul sito della Regione il materiale del progetto

sabato 23 gennaio 2010
'Sporthabile' una rete toscana per lo sport rivolto ai disabili

'Sporthabile' vuol creare condizioni ottimali per rendere lo sport realmente accessibile a tutte le persone affette da disabilità, sensoriali, fisiche o intellettive. La rete che ufficialmente aprirà domani i batteSport habile toscananti per ora è composta da 28 centri sparsi su tutto il territorio dove recarsi per praticare o iniziare una disciplina grazie all'aiuto di personale appositamente formato e degli ausili necessari. Per ora gli sport praticabili sono vela, tennis, basket, bocce, tiro con l'arco, canottaggio, baseball e softball, tennistavolo, arco, atletica, sci, danza sportiva, scherma, calcio a 5.Tutti i centri avranno un logo distintivo 'Sporthabile', saranno inseriti in un apposito registro regionale e saranno sottoposti a verifiche periodiche per accertare il possesso dei requisiti di accessibilità (strutture, servizi, personale formato, disponibilità di ausili per la pratica sportiva) ed efficienza

martedì 19 gennaio 2010
Istituzione del Fondo di solidarietà per le famiglie

 La comunità toscana manifesta la propria solidarietà alle vittime di incidenti mortali sul lavoro anche tramite la concessione alle loro famiglie, da parte della Regione, dei benefici di cui alla presente legge. Il 27 Ottobre 2008 il Consiglio Regionale ha approvato ed Il Presidente della Giunta ha promulgato questa innovativa ed apprezzata legge.

   Tutti gli Articoli della Legge

   Regolamento attuativo